header.fw

ARTICOLAZIONE DELLA DIDATTICA

ARTICOLAZIONE DELLA DIDATTICA

La Didatticaè suddivisa in 2 bienni.

Nel primo biennio vengonofornite competenze cliniche Comportamentali (Analisi Funzionale e Modificazione del Comportamento),di Psicoterapia CognitivaStandard (quali, ad esempio, la REBT di A. Ellis) e di Clinica Psicoanalitica di base, applicate alla comprensione ed al trattamento dei disturbi psicosomatici,mentre nel secondo biennio vengono approfonditi invece Modelli Psicoanalitici più attuali, gli Interventi Esperienziali e Corporei (es.: Terapia Sensomotoria, Neurofeedback, Teoria Polivagale, ecc.), l’EMDR per il trauma ed i suoi correlati psicofisiologici e le procedure cliniche desunte della Terza Ondata della CBT (Mindfulness, Compassion Focused Therapy, Acceptance and Commitment Therapy, ecc.).

In particolare, gli obiettivi formativi sono i seguenti:

  1. permettere agli allievi di acquisire conoscenze e competenze procedurali necessarie per attuare un efficace intervento sintomatico e diretto sui meccanismi di mantenimento (cognitivi, comportamentali e psicofisiologici) del soverchio distress emozionale cronico e, dunque, in gran parte focalizzato sul corpo: Biofeedback, Neurofeedback, Training Autogeno, Terapia Sensomotoria, interventi ACT di accettazione dell’esperienza emotiva, Skills Training, ecc.;
  2. favorire l’acquisizione di abilità cliniche utili alla concettualizzazione ed alla modificazione delle variabili cognitive (schemi maladattivi precoci riferiti a se stessi ed agli altri, catastrofizzazioni, assolutismi, doverizzazioni, auto-disprezzo ed iper-criticismo, bias cognitivi iper-valenti, deficit metacognitivi, ecc.) e comportamentali (deficit nella regolazione e gestione delle emozioni, abitudini e stili di vita a rischio, ecc.) più prossime  rispetto alla genesi ed al mantenimento del distress emozionale sia cronico che acuto: Terapia Cognitiva Standard di A.T. Beck; Schema Therapy, Logoterapia di V. Frankl, REBT di A. Ellis, ecc.;
  3. interventi  Psicodinamici sulle variabili più remote (es.: esperienze precoci, traumi infantili, ecc.) che possono avere un ruolo causale cruciale rispetto all’attuale vulnerabilità al distress emozionale cronico quali, ad esempio: bisogni frustrati già nelle prime relazioni di attaccamento ed attualmente scotomizzati ed ignorati, insufficiente validazione della propria soggettività all’interno delle relazioni primarie di accudimento, stili di vita (es.: iper-lavoro, perfezionismo sistematico, ecc.) e valori esistenziali (es.: Ideale di Potenza, ecc.) a rischio, adottati come tentativo di compensazione rispetto a storie di vita dolorose o a specifiche esperienze traumatiche o evolutivamente inappropriate, invalidazione delle proprie emozioni e delle proprie esperienze soggettive; ecc.

Momenti e strategie della didattica e della formazione personale

La Formazione Clinicaeffettuata presso l’Ospedale Cristo Re, Via delle Calasanziane n. 25, 00167 Roma (Pineta Sacchetti) e presso il Polo Clinico Interuniversitario Humanitas, via G. Belli n. 86, 00193 Roma, hal'obiettivo di permettere all'allievo di iniziare a confrontarsi con il lavoro psicoterapico vero e proprio,attraverso l'analisidi cartellecliniche,l'osservazione di interventi psicodiagnostici e psicoterapeuticie l'affiancamento di psicoterapeuti esperti nelle diverse fasi dell'interventoclinico.

In particolare per laformazione clinica saranno utilizzate le seguenti metodologie didattiche:

  1. analisidellecartellecliniche
  2. analisi di interventi psicoterapeutici attuati da colleghi senior;
  3. diretta diinterventiclinici;
  4. compartecipazione adi nterventi clinici come osservatore silenzioso;
  5. affidamento di casiclinici sotto supervisione.

Laboratori esperienziali per losviluppo di abilità competenze propedeutiche all'attività psicoterapeutica. Durante il percorso formativo saranno attivati percorsi di apprendimento esperienziali per strutturare competenze su diversi piani quale quello corporeo,gruppale,ecc.(socialskillstrainingdinamiche di gruppo, progressive relaxation training,biofeed back training,ecc.).

Supervisione dei casiclinici realizzata con una modalità di conduzione tradizionale sui casi seguiti dall'allievo e con una conduzione in role-playing sui casi simulati.

Obiettivo della supervisione è di focalizzare i passaggi terapeutici particolarmente problematici di individuare le più efficaci strategie psicoterapeutiche.

Tirocinio di psicodiagnostica e psicoterapia realizzato sotto la guida di untutor ed elettivamente svolto presso le strutture cliniche dell’Ospedale Cristo Re e presso altre strutture, pubbliche e private, convenzionate conla Scuola,e che operano nel campo della salute mentale della psicoterapia. Esso prevede la conduzione, sotto supervisione di uno psicoterapeuta abilitato,di procedure ed esami psicodiagnostici e di trattamenti psicoterapeutici da parte degli allievi.

 

Contenuti caratterizzanti 

  1. Stress, coping e patologia psicosomatica;
  2. Modelli di interazione mente-corpo;
  3. Le patologie psicosomatiche: segni, sintomi, variabili eziopatogenetiche, meccanismi di mantenimento e stabilizzazione, ecc.;
  4. Darwinismo neurale e relazione cervello, mente e patologia psicosomatica;
  5. Psicoanalisi in psicosomatica;
  6. L'analisi del comportamento e le procedure di assessment CBT dei disturbi psicosomatici;
  7. L'analisi della relazione di attaccamento e dei pattern di strutturazione del Sé;
  8. La riduzione della vulnerabilità al distress emozionale cronico: rilassamento e regolazione delle emozioni, Mindfulness, Acceptance and Commitment Therapy (ACT), Terapia Razionale-Emotivo-Comportamentale (REBT), Terapia Sensomotoria, Logoterapia e vuoto esistenziale, ecc.
  9. La conoscenza dei sostrati e dei correlati neurobiologici delle emozioni, dei comportamenti e dei pensieri (neuroscienze, neuropsicologia, ecc.);
  10. La medicina comportamentale e l’intervento psico-sociale nella prevenzione del disagio e nella promozione della salute;
  11. I rinforzi molari impropri al disagio psicofisico ed il suo mantenimento oltre misura;
  12. Terapie corporee ed esperienziali;
  13. Relazione terapeutica e modificazioni psicofisiologiche: la Teoria Polivagale; ecc.